www.snowfinch.it

Stazione Ornitologica Riserva Lago di Campotosto

foto copertina Eliseo Strinella

Galleri Snowfinch - (80) Eliseo Strinella

Campotosto settembre 2014 foto Eliseo Strinella

"La nascita della Riserva Naturale di Campotosto e il suo status di protezione"
L'area del Lago di Campotosto per l’importanza che riveste per la sosta e lo svernamento degli uccelli acquatici, nel 1994 è stata istituita: “Riserva Naturale di Popolamento Animale”attualmente gestita dal Reparto Carabinieri Biodiversità di L’Aquila.
La riserva è inserita nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga istituito con D.P.R. del 5 giugno 1995.
Il Bacino di Campotosto costituisce anche:
[Z.P.S.] Zona di Protezione Speciale - code IT7100128.
[I.B.A.] Important Birding Area Gran Sasso e Monti della Laga - code 204.
[S.I.C.] Sito di interesse comunitario: “Monti della Laga e Lago di Campotosto”, tra i più importanti della Regione Abruzzo, il SIC [IT7120201] che presenta 23 tipologie di habitat, molti dei quali con elevato grado di conservazione e specie animali e vegetali elencate in Direttiva 92/43/CEE e Direttiva 79/409/CEE.
Il livello di conservazione ha permesso negli anni sia l’aumento del numero di specie che di esemplari per specie, innalzando ad un livello molto elevato di biodiversità la componente ornitica del lago.

21-galleri stazione ornitologica campotosto E. Strinella

Campotosto agosto 2015 foto Eliseo Strinella

"L’istituzione della Stazione Ornitologica della Riserva del Lago di Campotosto"
Nel 2006 nasce la Stazione Ornitologica [C.F.S.], attualmente gestita dal Reparto Carabinieri Biodiversità di L’Aquila, con la collaborazione dell’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e l’Associazione Gruppo Ornitologico Snowfinch Onlus.
Le finalità della Stazione Ornitologica sono quelle d’incrementare i dati già esistenti proponendo una documentazione sempre aggiornata e ragionata, delle informazioni sulla comunità ornitica, ai fini gestionali per ottenere un modello indispensabile per la conservazione riflettuta e sostenuta dell'area, secondo metodologie scientifiche.
Le attività comprendono:
▪ L’aggiornamento costante della chek-list degli Uccelli;
▪ Il Controllo della comunità ornitica degli uccelli acquatici, attraverso il conteggio mensile;
▪ Monitoraggio dei passeriformi tramite la stazione di Inanellamento a Sforzo-Costante Monitring [progetto C.N.I. - ISPRA];
Con l'istituzione della stazione, attraverso un programma a lungo termine, la Riserva di Campotosto rappresenta una delle aree maggiormente controllate sotto l’aspetto avifaunistico nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

25-galleri stazione ornitologica campotosto E. Strinella

Campotosto gennaio 2015 foto Eliseo Strinella

"La nuova check-list degli Uccelli di Campotosto dai dati storici del 1947 al 2017"
La check-list aggiornata al dicembre 2017 comprende 212 specie, costituisce circa il 69% della check-list degli uccelli d’Abruzzo; con 4 specie osservate a Campotosto: Tantalo africano, Moretta grigia, Pesciaiola, A2 Svasso cornuto.
Delle collettive 212 specie incluse nella check-list della Riserva del Lago di Campotosto:
8 inserite dalle osservazioni storiche del 1947 [E. A. Di Carlo 1947];
9 incluse dal lavoro del 1988 [Bologna M. A., Biondi M., Di Fabrizio F. & Locasciulli O. 1988];
11 riprese dalla precedente lista compilata nel 1993 [Papa P. & Dundee V. 1993].
139 specie che abbiamo segnalato e riconfermate già riportate anche nei precedenti lavori, a cui in parte è stata rivista la fenologia.
45 nuove specie mai contemplate nei passati lavori.

22-galleri stazione ornitologica campotosto E. Strinella

Campotosto maggio 2014 foto Eliseo Strinella

"Struttura della Comunità Ornitica della Riserva del Lago di Campotosto"
L’elaborazione della nuova check-list è frutto di anni di osservazioni [dal 1995], ma inizialmente raccolte in maniera saltuaria soprattutto durante il periodo invernale e primaverile.
La raccolta del dati in maniera sistematica, è stata incrementata a partire dal 2006 con l'istituzione della Stazione Ornitologica, attraverso un controllo costante e per l’intero arco dell’anno.
L'area in esame comprende non solo il territorio ripariale strettamente confinante il bacino, ma in gran parte anche le zone boscose e di prateria, adiacente l’area sommitale del lago.
Nella stesura della lista, sono stati riportati sia dati bibliografici storici già pubblicati a partire dal 1947 [Di Carlo E. A. 1947], che osservazioni inedite.
Il riepilogo generale della struttura della Comunità Ornitica su 212 specie aggiornata al dicembre 2017, è rappresentata:
▪ circa il 42% Passeriformi;
▪ circa il 38 % Acquatici;
▪ circa il 10,5 % Rapaci;
▪ circa il 9,5 % Altri;

24-galleri stazione ornitologica campotosto E. Strinella

Campotosto maggio 2014 foto Eliseo Strinella

"Riepilogo generale della fenologia delle specie acquatiche censite 2007-2016"
L’analisi generale della struttura fenologica della comunità ornitica degli uccelli acquatici, è riferita a 61 specie censite nel decennio 2007-2016.
Il campione esaminato comprende complessivamente: 538751 uccelli.
▪ circa il 41% migratrice;
▪ circa il 27% svernanti;
▪ circa il 18% accidentali;
▪ circa il 9% nidificanti;
▪ circa il 5% estivanti;

20-galleri stazione ornitologica campotosto E. Strinella

Campotosto settembre 2015 foto Eliseo Strinella

"Indicazioni sullo status di conservazione della comunità ornitica degli uccelli acquatici del Lago di Campotosto censiti nel decennio 2007-2016"
Il bacino di Campotosto costituisce un habitat di grande valore di biodiversità, non solo per la quantità di ornito-fauna censita, ma soprattutto per il numero di specie appartenenti a Categoria di Tutela Nazionali ed Internazionali.
Percentuali delle categoria di tutela delle 61 specie acquatiche censite [non sono incluse specie acquatiche inserite nella chek-list da dati storici Di Carlo E.A., 1947], nel Lago di Campotosto nel decennio 2007-2016:
▪ circa il 35 % Direttiva Uccelli CEE (All.- I) - Conservazione degli uccelli selvatici;
▪ circa il 30 % SPEC (Species of European Conservation) - Birdlife International 2004;
▪ circa il 15 % Lista Rossa degli Uccelli nidificanti in Italia;
▪ circa il 25 % Convenzione di Bonn e di Berna;
Attraverso questa sezione, si evince come il bacino di Campotosto sia investito da un livello di responsabilità di tutela non solo in ambito locale e Nazionale, ma in un sistema ben più ampio, per l’alto potenziale del numero di uccelli protetti da interventi di tutela in area Comunitaria.

"L’importanza del bacino di Campotosto per le specie Ittiofaghe"
Il lago di Campotosto, costituisce fonte di cibo per un vasto numero di specie di uccelli, che si nutrono di pesci.
In questa analisi sono state raggruppate sia le più specializzate e quasi esclusivamente ittiofaghe, che le specie che hanno una dieta maggiormente differenziata, ma che si cibano parzialmente anche di pesci.
Il campione analizzato comprende le 8 specie maggiormente presenti, censiti nel decennio 2007-2016, per un totale di: 21336 animali,
▪ Svasso maggiore Podiceps cristatus: 11683
▪ Cormorano Phalacrocorax carbo: 2569
▪ Gabbiano comune Larus ridibundus: 2146
▪ Gabbiano reale Larus michahellis: 1982
▪ Tuffetto Tachybaptus ruficollis: 1804
▪ Airone cenerino Ardea cinerea: 685
▪ Svasso piccolo Podiceps nigricollis: 434
▪ Garzetta Egretta garzetta: 33

"Bibliografia Lago di Campotosto: 1947-2006"
▪ Di Carlo E.A., 1947. Osservazioni ornitologiche sul Lago di Campotosto (L’Aquila). Riv. ital. Orn., 17 : 70-73.
▪ Rossi D. & Di Carlo E.A., 1948. Risultati di ricerche ornitologiche sulle montagne d’Abruzzo, parte II Monti della Laga-Altipiano di Campotosto-Conca di Amatrice. Anni 1940-1947. Riv. ital. Orn., 18:149-186.
▪ Plini P., 1984. Uccelli e mammiferi dei Monti della Laga. Tesi di Laurea, Univ. Di Roma “La “Sapienza”.
▪ Plini P., 1987. L’avifauna dei Monti della Laga (versante occidentale). Natura e Montagna, (4): 21-27.
▪ Plini P., 1988. Svernamento del Cormorano, Phalacrocorax carbo sinensis, nel Lago di Campotosto. Riv. ital. Orn., 58: 215.
▪ Bernoni M., Di Fabrizio F., Pellegrini M. & Pellegrini M., 1988. La nidificazione dello Svasso maggiore, Podiceps cristatus, in Abruzzo. Riv. ital. Orn., 58: 81-84.
▪ Bologna M. A., Biondi M., Di Fabrizio F. & Locasciulli O., 1988. Il popolamento animale dei monti della Laga e delle Montagne dei Fiori e dei Campli. (Monografia Abruzzo Ass. Beni Ambientali e Riserve Naturali).
▪ Papa P. & Dundee V.,1993. Lago di Campotosto Birdwatching d’altitudine: Estratto dal Bollettino CAI L’Aquila n° 28 (156).
▪ Plini P., 1993. L’avifauna acquatica del Lago di Campotosto : ciclo annuale della comunità e analisi sul biennio 1987-1989. Riv. ital. Orn. 58: 190.
▪ Pellegrini Ms. De Sanctis A., Di Giambattista P. & Civitarese S., 1995. Importanza del lago di Campotosto per lo svernamento degli anatidi e della Folaga. Atti VII Conv. Ital. Ornit., Urbino, XXII: 691-692.
▪ Di Maddalena M., 2002-2003. Studio cartografico delle emergenze naturalistiche di carattere geologico, botanico e avifaunistico di un settore dei Monti della Laga: il Lago di Campotosto. Tesi di Laurea sperimentale, presso la Facolta di Scienze MM.FF.NN. di L’Aquila.
▪ S.O.A. - Stazione Ornitologica Abruzzese, 2006. Risultati dei censimenti degli uccelli acquatici svernanti in Abruzzo - 1990-2005. Monografia S.O.A.
"Bibliografia Lago di Campotosto: 2009-2013"
▪ Strinella E., 2009. Ciclo annuale della comunità ornitica degli uccelli acquatici nella Riserva Naturale del Lago di Campotosto (Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga). Alula, 16: 801-802.
▪ Strinella E. & Artese C., 2010. La comunità ornitica della Riserva Naturale del Lago di Campotosto nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga - (Chek-List). De Rerum Natura XVIII n. 48.
▪ Strinella E., Sorace A. & Artese C. 2013. Variazioni stagionali della comunità di uccelli acquatici nella Riserva Naturale del Lago di Campotosto 2006/2012 (P.N.G.S.M.L.) Alula XX (1-2) 2013.
▪Di Benedetto S., Tabellione F., Strinella E., & Di Maddalena M. 2013 - Relazione progetto PSR Regione-Abruzzo 2007-2013 Misure 3.2.3 delle Zone Umide: Lago di Campotosto e Fiume Tirino. (P.N. Gran Sasso e Monti d. Laga).