www.snowfinch.it

Report Ornitologici: Gran Sasso ed Altopiano di C. Imperatore

foto copertina Eliseo Strinella

Gran Sasso 30 maggio 2019

Report monitoraggio avifauna & inanellamento a scopo scientifico.
Il 30 maggio, attività di monitoraggio dell’avifauna sul Gran Sasso tra 1700-2200 m.
La copertura nevosa rispetto all’ultimo controllo del 22 maggio, va diminuendo, liberando ampie zone di prateria.
Alcuni esemplari di Gracchio alpino Pyrrhocorax graculus, scesi intorno ai 1900 m, in alimentazione sul bordo delle vallette con accumulo di neve.
Il Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax, aumentano gli animali in quota, ma anche diversi gruppi distribuiti intorno 1800-1700 m, in alimentazione sulla piana.
L’Allodola Alauda arvensis, ha riconquistato le zone scoperte di neve in quota, dando di nuovo inizio l’attività riproduttiva.
Il Fringuello alpino Montifringilla nivalis, prosegue la nidificazione nei pressi della zona Albergo di Campo Imperatore a 2200 m.
Il Balestruccio Delichon urbicum, nei pressi delle strutture ricettive, ha ripreso la costruzione dei nidi con la raccolta del materiale-fangoso.
Intorno a 2000 m alcuni esemplari di Sordone Prunella collaris, che probabilmente stanno risalendo per andare ad occupare i siti riproduttivi ancora più in quota.
Sulla piana a circa 1700 m diversi esemplari di Calandro Anthus campestris.
Tra i rapaci alcuni esemplari di Poiana Buteo buteo, di Gheppio Falco tinnunculus.

Le altre specie determinate - osservate ed ascoltate tra 1700 -2200 m:
▪Allodola Alauda arvensis
▪Ballerina bianca Motacilla alba
▪Ballestruccio Delichon urbicum
▪Calandro Anthus campestris
▪Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros
▪Codirossone Monticola saxatilis
▪Cornacchia Corvus corone
▪Culbianco Oenanthe oenanthe
▪Fanello Linaria cannabina
▪Fringuello alpino Montifringilla nivalis
▪Gheppio Falco tinnunculus
▪Gracchio alpino Pyrrhocorax graculus
▪Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax
▪Poiana Buteo buteo
▪Spioncello Anthus spinoletta
▪Sordone Prunella collaris
Gran Sasso 30 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 30 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 30 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 22 maggio 2019

Report monitoraggio avifauna & inanellamento a scopo scientifico.
Il 22 maggio, attività di monitoraggio dell’avifauna sul Gran Sasso tra 1600-2200 m.
Effettuata alcune riletture storiche di Culbianco Oenanthe oenanthe, inanellati nelle precedenti stagioni.
La copertura nevosa ancora importante, ma rispetto all’ultimo controllo del 18-19 maggio le zone libere-scoperte tendono ad aumentare; Gli animali tendono ha rimanere confinati a ridosso di queste aree.
Da segnalare la presenza di un gruppo con cinque esemplari di Gracchio alpino Pyrrhocorax graculus, intorno ai 2000 m.
Il Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax, oltre a qualche esemplare in quota, diversi gruppi distribuiti dai 1700-1500 m, in alimentazione nelle aree prive di copertura nevosa.
Sempre numerosi gli esemplari di Allodola Alauda arvensis in piena attività riproduttiva nella fascia altimetrica che non è stata ricoperta dalla coltre di neve; mentre gli animali in quota rimangono nelle zone scoperte che via via si vanno sempre più liberando.
Il Fringuello alpino Montifringilla nivalis, prosegue la nidificazione nei pressi della zona Albergo di Campo Imperatore a 2200 m.
Il Balestruccio Delichon urbicum, pur rimanendo nei pressi delle strutture ricettive, ancora non ha ripreso la costruzione dei nidi, che verosimilmente riprenderà appena la copertura nevosa libererà le arre per la raccolta del materiale-fangoso.
Sulla piana a circa 1700 m, da segnalare [concentrati], diversi esemplari di Calandro Anthus campestris, segnalati per la prima volta questa stagione, con animali che probabilmente andranno ad occupare anche le zone più in quota, attualmente ricoperte di neve.
Intorno ai 1650 m, estremamente interessante la documentazione di una solitaria Tortora selvatica Streptopelia turtur, che costituisce una new entry per la check-list degli uccelli di Campo Imperatore, portando la lista a 126 specie - Check-List C. Imperatore.
Tra i rapaci alcuni esemplari di Poiana Buteo buteo, di Gheppio Falco tinnunculus.

Le altre specie determinate - osservate ed ascoltate tra 1600 -2200 m:
▪Allodola Alauda arvensis
▪Ballerina bianca Motacilla alba
▪Ballestruccio Delichon urbicum
▪Calandro Anthus campestris
▪Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros
▪Codirossone Monticola saxatilis
▪Cornacchia Corvus corone
▪Culbianco Oenanthe oenanthe
▪Fanello Linaria cannabina
▪Fringuello alpino Montifringilla nivalis
▪Gheppio Falco tinnunculus
▪Gracchio alpino Pyrrhocorax graculus
▪Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax
▪Poiana Buteo buteo
▪Spioncello Anthus spinoletta
▪Stiaccino Saxicola rubetra
▪Tortora selvatica Streptopelia turtur
Gran Sasso 22 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 22 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 22 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 18-19 maggio 2019

Report monitoraggio avifauna & inanellamento a scopo scientifico [attività riproduttiva di alcuni passeriformi, che nidificano sull’altopiano di Campo Imperatore 1800-2200 m].
Il mese di maggio della stagione 2019, è stata caratterizzata dalle condizioni meteorologiche particolarmente avverse, con temperature al di sotto della media stagionale, accompagnate da copiose nevicate.
Il 18-19 maggio con la riapertura della strada interrotta per neve, è stato possibile effettuare un controllo in quota e cercare di verificare le condizioni generali degli habitat e delle specie presenti, che nidificano a Campo Imperatore.
La copertura nevosa variabile dai 30 ad oltre 40 cm, ha ricoperto gran parte dell'altopiano di Campo Imperatore, dove la stagione riproduttiva per alcune specie era iniziata.
Il Culbianco Oenanthe oenanthe non ha abbandonato del tutto la zona, non sono le presenze consuete per la stagione e probabilmente una parte di animali sarà scesa di quota, per risalire appena la neve libererà le aree are di nidificazione.
Sono concentrati nei spazi privi di neve, rivendicando il poco territorio disponibile; considerando che la fase di nidificazione era in uno stadio "iniziale", appena ci saranno le condizioni i culbianchi che hanno subito un interruzione nella fase di cova, ripartiranno con una covata di rimpiazzo.
L’Allodola Alauda arvensis è presente anche con un discreto gruppo, probabilmente sono quelle che hanno subito il maggior numero di problemi, considerando che erano già in fase più avanzata nella nidificazione; Anche loro sono concentrate nelle poche zone prive di neve.
Lo Spioncello Anthus spinoletta nel periodo di risalita, con il grosso degli animali che ancora non occupava i siti di nidificazione in quota, probabilmente non ha subito grandi imprevisti, anche se le coppie che nidificano sulle aree sommitali subiranno uno slittamento del periodo.
Il Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax con alcune coppie di che avevano già occupato le cavità in quota, sono rimasti in zona, ma diversi gruppi stazionano nella fascia altitudinale per alimentarsi nelle aree al limite dalla zona coperta dalla neve.
Il Balestruccio Delichon urbicum che aveva avviato la costruzione dei nidi [alcuni quasi ultimati], è rimasto nei pressi degli edifici in quota, perdendo il lavoro svolto nei giorni antecedente la bufera di neve; Saranno costretti a ricostruire da capo i nidi, caduti per il forte vento.
Parte dei Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros e Ballerina bianca Motacilla alba, che avevano iniziato la nidificazione, sono rimasti nei pressi delle strutture, ma il freddo e la neve li ha decisamente bloccati, ed anche loro probabilmente dovranno riprendere da capo l’attività riproduttiva.
Il Fringuello alpino Montifringilla nivalis è la specie che ha subito meno problemi, con le coppie che erano in fase avanzata nella nidificazione che continuano ad imbeccare i pulli, altri in fase di cova, mentre altri ancora stanno finendo di sistemare i nidi con la raccolta di materiale.

Le altre specie determinate - osservate ed ascoltate tra 1800 -2200 m:
▪Allodola Alauda arvensis
▪Ballerina bianca Motacilla alba
▪Ballestruccio Delichon urbicum
▪Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros
▪Cornacchia Corvus corone
▪Culbianco Oenanthe oenanthe
▪Fringuello alpino Montifringilla nivalis
▪Gheppio Falco tinnunculus
▪Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax
▪Spioncello Anthus spinoletta
Gran Sasso 18 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 18 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 18 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 11 maggio 2019

Ornitologia di Campo 2019 - “La Migrazione Pre-Riproduttiva sulle Praterie Sommitali dell'Altopiano di C. Imperatore”.
Sabato 11 maggio 2019 sul Gran Sasso, presso l’altopiano di C. Imperatore in località Lago Racollo, si è svolta la IX edizione.
Sono state inanellate le seguenti specie: Allodola Alauda arvensis, Culbianco Oenanthe oenanthe, Fanello Linaria cannabina.

Le altre specie determinate - osservate ed ascoltate:
▪Ballerina bianca Motacilla alba
▪Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros
▪Cornacchia Corvus corone
▪Gheppio Falco tinnunculus
▪Germano reale Anas platyrhynchos
▪Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax
▪Rondine Hirundo rustica
▪Spioncello Anthus spinoletta
Gran Sasso 11 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 09 maggio 2019

Report monitoraggio avifauna & inanellamento a scopo scientifico.
Il 09 maggio, attività di monitoraggio dell’avifauna sul Gran Sasso tra 1700-2200 m.
Effettuata una rilettura storica, di un Culbianco Oenanthe oenanthe inanellato nelle precedenti stagioni.
Tra le riletture il Fringuello alpino Montifringilla nivalis [P09], che seguiamo da qualche anno, nidifica nei pressi della zona Albergo di Campo Imperatore a 2200 m.
Estremamente interessante anche la lettura del Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax [A29].
Stanno risalendo gruppi più o meno compatti in alimentazione sulla piana, per andare ad occupare i siti di nidificazione più in quota; A29 costituisce uno degli animali fedele al sito riproduttivo, che viene monitorato nel corso degli anni sulla stessa zona dell’altopiano.
A circa 1700 m una coppia [maschio e femmina], di Starna Perdix perdix che nidifica in zona, molto probabilmente sono animali nati in loco, che nel corso degli anni hanno acquisito un ambientamento ed adattamento alla quota, che potrebbero descrivere il comportamento della Starna Perdix perdix italica.
Numerosi gli esemplari di Allodola Alauda arvensis in piena attività con parate ed approcci di accoppiamento, hanno occupato i siti di nidificazione che sono maggiormente concentrati nella fascia altitudinale tra 1600-1800 m.
Da segnalare il primo solitario Stiaccino Saxicola rubetra di stagione, più o meno a 1700 m.
Sulla piana alcuni esemplari di Poiana Buteo buteo, di Gheppio Falco tinnunculus e il passaggio di un Falco cuculo Falco vespertinus a circa 1600 m.

Le altre specie determinate - osservate ed ascoltate tra 1600 - 1800 m:
▪Allodola Alauda arvensis
▪Ballerina bianca Motacilla alba
▪Ballestruccio Delichon urbicum
▪Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros
▪Codirossone Monticola saxatilis
▪Cornacchia Corvus corone
▪Culbianco Oenanthe oenanthe
▪Falco cuculo Falco vespertinus
▪Fanello Linaria cannabina
▪Fringuello alpino Montifringilla nivalis
▪Gheppio Falco tinnunculus
▪Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax
▪Poiana Buteo buteo
▪Spioncello Anthus spinoletta
▪Starna Perdix perdix
▪Stiaccino Saxicola rubetra
Gran Sasso 09 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 09 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 04 maggio 2019

Report monitoraggio avifauna & inanellamento a scopo scientifico.
Il 04 maggio, attività di monitoraggio dell’avifauna sul Gran Sasso tra 1600-1800 m.
In prossimità delle zone allagate nei pressi di Racollo da segnalare il Germano reale Anas platyrhynchos; presente anche nel laghetto della Fossa di Paganica.
Lo Spioncello Anthus spinoletta, già presente nelle zone altitudinali meno elevate, si sta spingendo in piccoli gruppi per raggiungere le praterie in quota, ed occupare i siti di nidificazione ancora copiosamente coperti di neve.
Segnalati due maschi territoriali di Codirossone Monticola saxatilis, in alcune aree storiche di nidificazione.
La Cornacchia Corvus corone, in attività riproduttiva con animali in cova sua almeno 4 nidi, distribuiti in una fascia altitudinale tra 1600-1700 m.
Tra i rapaci: il Gheppio Falco tinnunculus e la Poiana Buteo buteo.

Le altre specie determinate - osservate ed ascoltate tra 1600 - 1800 m:
▪Allodola Alauda arvensis
▪Ballerina bianca Motacilla alba
▪Ballestruccio Delichon urbicum
▪Codirosso spazzacamino Phoenicurus ochruros
▪Codirossone Monticola saxatilis
▪Cornacchia Corvus corone
▪Culbianco Oenanthe oenanthe
▪Fanello Linaria cannabina
▪Germano reale Anas platyrhynchos
▪Gheppio Falco tinnunculus
▪Gracchio corallino Pyrrhocorax pyrrhocorax
▪Poiana Buteo buteo
▪Spioncello Anthus spinoletta
Gran Sasso 04 maggio 2019 - Eliseo Strinella

Gran Sasso 04 maggio 2019 - Eliseo Strinella